I culurgionis di CLelia

-.-
Share Button

11255737_1122535404428512_1036530087749787795_oIs Culurgionis ricetta di Clelia Dessi ……

Condimento: pecorino sardo stagionato e/o sugo di pomodoro .

Per la sfoglia:

  • 350 g di farina di semola di grano duro, acqua calda quanto basta

Per il ripieno:

  • 1 kg di patate vecchie a pasta bianca
  • mezzo bicchiere di olio evo (o 200 g di grasso di maiale sciolto)
  • 150 g di formaggio dolce sardo fresco tipo dolce sardo, (io ho usato casiggiolu)
  • 150 g di formaggio salamoiato (casu de fitta)
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaino e mezzo di pepe nero macinato al momento ( in certe famiglie, usano mettere la menta secca al posto del pepe, a casa mia, no)

Preparazione:

1. mettete a cuocere le patate in una capiente pentola, con la buccia e senza sale. Una volta cotte passatele allo schiacciapatate e riducetele in purè.
2. aggiungete alle patate il formaggio salamoiato grattugiato,il pepe, tritate finemente l’aglio privato dell’anima e mettetelo con gli altri ingredienti dove avrete ricavato al centro una specie di fontana
3. scaldate molto bene l’olio e versatelo subito sopra l’aglio tritato. Aggiungete il formaggio grattugiato, amalgamate bene il tutto e a questo punto controllate la sapidità, se serve aggiungete ancora formaggio salamoiato o un pizzico di sale. Il ripieno può attendere, passiamo alla sfoglia.

Per la sfoglia:

1. Impastate la farina e lavoratela a lungo, fino a che risulta elastica, (almeno 20 minuti, se avete l’impastatrice usate quella) deve essere un impasto abbastanza consistente perché si ammorbidirà durante il riposo
2. Avvolgetela a palla in una pellicola e fatela riposare 30 minuti (io uso metterla sotto una pentola scaldata).
3. passato il riposo tirate la sfoglia, non deve essere sottilissima, ma neanche tanto spessa.
4. Con un coppa-pasta ricavate man mano dei dischetti, mettete al centro di ogni dischetto un po’ di ripieno e chiudeteli pizzicando i bordi in modo da formare una spiga. (vedi foto) Se questa operazione fosse per voi difficoltosa chiudeteli pure con la rotella, continuate fino a chiuderli tutti.
5. In una capiente pentola cuoceteli in abbondante acqua salata, a piccolo bollore, scolateli con un mestolo forato, adagiateli in un piatto da portata e spolverizzateli con abbondante pecorino sardo grattugiato, o, se voi preferite con un sugo di pomodoro.

(1705)

Share Button