Ricette sardegna

Sassari è pronta per la discesa dei Caldelieri 2015

Il 14 agosto di ogni anno si ripete immutata da secoli. La Festha Manna è il momento in cui tutta la comunità sassarese si ritrova, unita, per la spettacolare discesa dei Candelieri lungo le vie cittadine sino alla chiesa di Santa Maria di Betlem.

Non è soltanto spettacolo, è soprattutto fede. Perché nel faticoso gesto di portare i dieci ceri lignei, in un percorso che mette a dura prova i portatori, c’è il desiderio di rendere omaggio alla Madonna.

La volontà di sciogliere il voto alla Vergine che, cinquecento anni fa, liberò la città dalla peste. I Gremi, con i loro abiti dalle fogge antiche, e la folla che per tutto il tragitto acclama e incita i portatori nella loro danza, sono i veri protagonisti della Festha Manna, come viene chiamata in dialetto sassarese, la Festa grande, il vero e proprio simbolo dell’identità cittadina.

In quest’ottica l’amministrazione comunale, nel promuovere la festa dei sassaresi, ha voluto dedicare uno sguardo attento proprio ai Gremi e alle loro feste patronali. Un’occasione per significare che la festa dei Candelieri non deve e non può esaurirsi il 14 agosto, ma si sviluppa per tutto l’anno.  In primo luogo la creazione di un museo che consenta di supportare l’evento e investire sulla costante e duratura valorizzazione della Festa, anche nell’ottica di preservare il prezioso riconoscimento da parte dell’Unesco quale “patrimonio culturale immateriale dell’Umanità”, ottenuto nel 2013 assieme alle analoghe Feste delle macchine a spalla di altre tre città italiane.

I vari appuntamenti sono stati presentati questa mattina a Palazzo Ducale dal sindaco di Sassari Nicola Sanna, dall’assessora alla Cultura e Turismo Monica Spanedda e dal presidente dell’Intergremio Salvatore Spada. Erano presenti anche gli obrieri di alcuni Gremi.

 

Le feste dei gremi

Il 22 agosto, quindi, si celebra l’Ottava dei Candelieri.

In questo giorno, dalla chiesa di Santa Maria di Betlem, i Candelieri ritornano alle loro chiese di
appartenenza. I Fabbri e i Calzolai rientrano al duomo di San Nicola, i Viandanti nella chiesa Sant’Agostino, i Piccapietre, Contadini, Ortolani, Falegnami,
Sarti e Muratori nella chiesa di Santa Maria di Betlem e, infine, i Massai nella chiesa di San Pietro in Silki.

Nel mese di agosto, in prossimità della Discesa, poi, si moltiplicano gli appuntamenti che “preparano” sassaresi e turisti al grande appuntamento.
L’amministrazione comunale ha infatti previsto una serie eventi culturali, enogastronomici, musicali e di spettacolo che rispecchiano l’aspetto identitario
della città e della sua comunità.

 

Il percorso della manifestazione

Exit mobile version