Marmellata di Corbezzolo

Share Button

Il Corberzolo , Arbusto o alberello sempreverde e legnoso diffuso in tutta la Sardegna, dalle zone costiere a quelle montane interne.
E’ una specie a rapido accrescimento, xerofila e frugale, cioè si adatta a qualsiasi substrato, anche se predilige terreni sciolti, acidi o neutri. In genere è ricco di polloni con portamento arbustivo ma talvolta si sviluppa a portamento arboreo raggiungendo dimensioni considerevoli.
Ha una forte capacità pollonifera, quindi dopo il taglio ricaccia abbondantemente……
Per tale ragione, si presta ad essere governato a ceduo, mentre, al passaggio del fuoco (incendi) si impone sulle altre specie, infatti si sviluppa rapidamente emettendo numerosi virgulti dalla ceppaia.  E’ una specie coltivata nei vivai forestali, viene impiegata nei rimboschimenti, ma è ampiamente utilizzata anche per scopi ornamentali nei parchi, giardini, ville.
Un aspetto singolare del corbezzolo, che lo rende molto caratteristico e attraente, soprattutto per scopi ornamentali, è il fatto che in autunno presenta contemporaneamente: i fiori, i frutti maturi dell’anno precedente (gialli, arancioni e rossi) e quelli verdi dell’anno.
Dalle bacche si ricava un buon distillato, mentre, dai fiori è particolarmente apprezzato il miele amaro conosciuto anche all’estero, infatti in Sardegna è molto sviluppata l’apicoltura con sfruttamento delle essenze della macchia mediterranea.
In Sardegna le macchie a corbezzolo, miste a leccio, fillirea e alle eriche, spesso rappresentano una degradazione delle leccete, ma sono anche uno stadio dinamico di evoluzione verso formazioni forestali più evolute, quali appunto le leccete.

Liddone alias corbezzolo

Bene dopo queste disquizioni colte oggi prepariamo una bella e buona marmellata di CORBEZZOLO:

 

per la preparazione ci necessitano:

  • 1 kg di polpa di corbezzoli maturi
  • gr. 700 di zucchero
  • buccia di un limone
  • 1 bicchiere di acqua

Come si prepara:
Laviamo velocemente e mettiamo a cuocere i corbezzoli, a fuoco lento per 15 minuti circa, dopo di che setacciamoli con un passino in modo da eliminare i semi, con la purea che abbiamo ottenuto mescolare e aggiungendo lo zucchero e un bicchiere d’acqua e la buccia di limone tagliata a fettine, facendo attenzione ad eliminare la parte bianca del limone. Rimettiamo tutto il composto a cuocere sul fuoco lentamente, a fiamma bassa, mescolando spesso fino a far diventare il composto denso. Passimao ora a d Invasare curandoci di metterla nei barattoli ancora calda , barattoli che abbiamo naturalmente sterilizzati in precedenza.
Una volta freddi, chiudere il coperchio. Lo zucchero provvederà alla conservazione, ma la marmellata è così buona che sarà difficile doverla conservare!







(19062)

Share Button

Widgetized Section

Go to Admin » appearance » Widgets » and move a widget into Advertise Widget Zone