La corsa degli scalzi – San Salvatore – Cabras

-.-
Share Button

San Salvatore - La corsa degli Scalzi- Cabras - Oristano - Sardegna - Italia

Il primo sabato e la prima domenica di settembre, Cabras è in festa, ma soprattutto diventa esempio di tradizione, (quest’anno 31/8 e 1/9).
Una massa sempre numerosa di corridori scalzi prende in consegna il simulacro in legno di “Santu Srabadori” (San Salvatore), che viene portato dalla parrocchia di Santa Maria Assunta fino alla chiesetta diSan Giovanni di Sinis, che sorge nella penisola omonima.
Un folto gruppo di giovani a piedi nudi e vestiti con il saio bianco dei penitenti trasporta il Santo in spalla attraverso i sentieri, circondati dalle stoppie e dai pascoli, di corsa per 12 chilometri
Questa manifestazione risale presumibilmente al 1619 e simula il salvataggio della statua, conservata nella chiesetta, dall’invasione dei mori.
Secondo la leggenda gli Scalzi usarono, al posto delle calzature, delle frasche legate sui piedi nudi, allo scopo di sollevare più polvere possibile per sembrare più numerosi e spaventare i Saraceni invasori. Questo stratagemma contribuì a salvare il simulacro. 
Teatro di questa manifestazione folcloristico-religiosa è il comune di Cabras, nella penisola del Sinis, una pianura circondata da stagni e colline digradanti su spiagge splendide.

Qui link ai video delle manifestazioni passate:

video1

video2

video3

(885)

Share Button