Il carnevale sardo: Fonni e le sue Maschere

Share Button

fonni-neve

Fonni (‘Onne, Honne o Fonne in sardo) è un comune della Sardegna di 3.989 abitanti ed è sito della provincia di Nuoro, esattamente si trova nell’antica subregione storica della Barbagia di Ollolai della quale rappresenta il centro più importante.

Adagiato sulle pendici settentrionali del Gennargentu, ad un’altitudine di 1.000 metri, è il paese più alto della Sardegna. È noto in tutta l’isola come centro di turismo invernale essendo dotato dei maggiori impianti sciistici di risalita sardi situati sul Bruncu Spina, ed ai piedi del Monte Spada. Fanno da traino al turismo invernale le uscite delle maschere caratteristiche  del carnevale fonnese e che sono S’Urthu e sos Buttudos.

S’Urthu, l’animale, ha il consueto campanaccio ed è vestito di pelli nere o bianche, di montone o di caprone, e viene tenuto alla catena da sos Buttudos, uomini incappucciati vestiti di nero, con dei campanacci sulle spalle. Le due maschere, che compaiono per i fuochi di Sant’Antonio, mettono in scena la classica lotta tra bene e male, tra l’uomo e l’animale: s’Urthu, l’animale, cerca di scappare e di liberarsi arrampicandosi ovunque, su alberi e balconi, mentre sos Buttudos cercano di domarlo.

urthos

 

 

(122)

Share Button