Cosa chiede il commensale a fine pranzo in Sardegna?

Share Button

Cosa chiede il commensale a fine pranzo in Sardegna? Ma Seadas o sebadas naturlamente

INGREDIENTI per preparare le ” Seadas ”

  • 1) Farina tipo 00  500gr.
  • 2) Formaggio pecorino fresco  400 gr.
  • 3) Strutto 50 gr.
  • 4) Semola fine  1 cucchiaio colmo
  • 5) Limone – olio – sale – zucchero quanto basta o per meglio dire  il classico QB
  • 6) Miele .

Passiamo alla fase di preparazione e procediamo cosi:

lasciamo inacidire il formaggio fresco per tre giorni.

Versiamo  in un tegame un quarto (di litro) di acqua e aggiungiamoci il formaggio inacidito, un cucchiao di semola, e la scorza di limone grattugiata… mescoliamo per bene e mettiamo a cuocere fino a quando l’acqua evapora e il tutto diventa come una crema… lasciamolo un po’ intiepidire , sino a che si puo’ toccare con le dita ., prendiamo ora , piccole porzioni di impasto tanto da creare dei piccoli dischi di circa 6 centimetri e metteteli ad asciugare in un telo… Adesso prepariamo la pasta con la farina, lo strutto e acqua salata tiepida… Una volta impastata, si tira sottile per fare delle sfoglie di pasta… ora con una formina bella tonda più grande di almeno 4 centimetri rispetto ai dischetti di impasto di formaggio… facciamo un numero di dischi doppio rispetto ai dischetti di formaggio messi ad asciugare… prendiamo un dischetto di formaggio e lo mettiamo sopra un disco di pasta quindi prendiamo un’altro disco di pasta e mettiamolo a copertura… Ora sigilliamo il tutto schiacciando per bene i bordi dei due dischi di pasta… Ritagliamo la pasta con una rotella, possibilmente sagomata per ottenere un’effetto coreografico  . e così via fino ad aver consumato i dischi di formaggio o della pasta… E’ un dolce che si deve cuocere al momento di servirlo… Mettere in un tegame olio in abbondanza, che superi l’altezza delle seadas… quando l’olio è bollente, mettere la seadas a friggere, quando sono ben dorati, togliere e mettere in un piatto, aggiungiamo sopra un cucchiao e mezzo di miele e servire ancora caldo.. ma a chi non piacesse il miele , anche una spolverata di zucchero va benissimo……e un Moscato di Sorso e Sennori può essere la più sapiente appettitosa conclusione di un pasto consumato  qui nella terra dei nuraghi…

(967)

Share Button